Allenamento Mentale & Mindfulness, Blog, Felicità

Prima il dovere… e quando il piacere?

Prima il dovere… e quando il piacere?

“Prima il dovere e poi il piacere”, recita un famoso proverbio. Il problema è che quel “poi”, spesso (troppo spesso!) non arriva mai. C’è sempre un altro dovere da fare: per la famiglia, per il lavoro, per gli amici, i conoscenti e perfino per quello che ci si aspetta da te.

E così, come scrivo nel mio libro Essere felici è una parola! ci mettiamo in secondo, terzo e quarto piano, dopo il pesce rosso dell’amica della vicina di casa. Non lasciamo neppure le briciole per noi e, quando lo facciamo, ci accontentiamo solo di quelle.

Quanto credi di poter andar avanti così? Dirai: “eh lo so, MA…”

“Ma” cosa? Se non lo fai tu, non fa nessuno? Può darsi, e lo capisco. Credimi, ci sono passata anch’io ed è vero che a volte le alternative sono poche e non ti resta che darti da fare per portare avanti tutto.

Ma sai che c’è? Che se non porti avanti anche te, il gioco presto finisce, perché ti esaurisci. Esaurisci le tue energie, il tuo entusiasmo, la tua pazienza, e ti imbruttisci. È davvero quello che vuoi? È davvero quello che meriti? Credo proprio di no, e non lo vogliono neanche le persone che ti stanno vicino e che magari dipendono da te.

La soluzione? Trova il tempo di dedicarti del tempo. Adesso, non “poi”. Concediti dei piaceri, seppur piccoli, gratuiti, banali o passeggeri che siano.

Non sto dicendo di non occuparti dei tuoi impegni, di mollare tutto e scappare a Bora Bora; non sto dicendo di tralasciare tutto per dedicarti quelle 2 o 3 ore al giorno o quei 2 o 3 giorni a settimana solo per te. Se puoi farlo, ben venga; ma siccome nella maggior parte dei casi non si può per diverse ragioni, allora non ti resta che assumerti il dovere di darti piacere, anche e soprattutto nei periodi più intensi.

Sì, perché è proprio quando credi di non potertelo permettere che hai più bisogno di concederti del tempo.

Come? Sta a te sceglierlo! Ascolta una canzone, balla, guarda o ascolta qualcosa che ti faccia ridere di gusto, fai un bel bagno, mangia il tuo cibo preferito (che mi auguro sia salutare!), gioca con un bambino o una bambina, esci, fai una bella chiacchierata con chi ti fa stare bene (ATTENZIONE: non “chiama qualcuno e sfogati per ore piangendoti addosso”, ma “chiama o incontra qualcuno con cui puoi ridere e alleggerire mente e cuore anche solo per un momento”).

Facci caso: non crolla il mondo se ti dedichi 3 minuti per te [trovi qui un altro articolo].

Tu sei importante quanto le persone più importanti della tua Vita. La tua felicità è importante quanto quella di chiunque altro. Non c’è niente di male a prenderti una piccola pausa e nessuno deve dartene il permesso, a parte te.

Prima capisci che prenderti cura di te è un tuo diritto e anche un tuo dovere, prima riesci a trovare la giusta forza per alimentarti e andare avanti al meglio.

È questo l’enorme beneficio che ne avrai: quelle piccole cose che farai per te ti permetteranno di mantenere alta e rinvigorita la tua energia!

Ti suggerisco un esercizio: fai una lista di cosa ti fa stare bene, possono essere azioni, luoghi o persone, e per i prossimi 8 giorni almeno assicurati di dedicarti ogni giorno una di queste cose della tua lista. Quella sarà il tuo asso nella manica per i tuoi momenti più intensi.

Nel gruppo Facebook Felici per Scelta, che ormai conoscerai, tutte le settimane facciamo gratuitamente dei percorsi settimanali mentali, linguistici, comportamentali o emozionali per allenarci alla felicità, e questa settimana stiamo facendo un gioco che consiste nel fare qualcosa di bello per se stesse e se stessi.

Dicono che questi allenamenti funzionano. Puoi provare su di te se quello che ho scritto è vero e utile: basta richiedere l’ammissione al gruppo cliccando qui.

Nel frattempo, che tu ti unisca o no, scegli una cosa, qualunque cosa, seppur piccola, e falla dedicandola a te: scegli oggi di essere felice.

Un abbraccio&tanti sorrisi,

Luana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *